martedì 7 settembre 2010

PREGHIERA DEL PODISTA

“Gesù se ne andò sulla montagna a pregare e passò la notte in orazione”. Che cosa aveva da chiedere a Dio, lui che era il Figlio di Dio, il Figlio dell’uomo, signore del sabato e che poteva perdonare il peccato? Temeva forse di sbagliarsi nella scelta degli apostoli, prevista per l’indomani? Doveva chiedere consiglio al Padre suo? In queste domande proiettiamo la debolezza della nostra preghiera. In questo momento, capitale nella realizzazione della sua missione (scegliere i Dodici significa infatti posare le fondamenta della Chiesa), la preghiera di Gesù è preghiera di comunione e di contemplazione del Padre. Gesù si ritira: Luca situa spesso quest’atteggiamento prima di un avvenimento importante. Tale atteggiamento è testimonianza della comunione di Gesù col Padre. La preghiera di Gesù è gratuita: è contemplazione, ammirazione del Padre. È espressione del suo slancio d’amore in quanto Figlio. 
Seguiamo allora i suoi passi e, nonostante la nostra debolezza, impariamo a “ritirarci”, per ascoltarci, per voler essere figli, con Gesù, in uno slancio d’amore per il Padre. “Padre...”: ecco la preghiera di Gesù e la nostra preghiera.


  LA NOSTRA PREGHIERA


TI RINGRAZIO SIGNORE PERCHE' MI FAI CAMMINARE,
TI RINGRAZIO PERCHE' MI FAI CORRERE,
TI RINGRAZIO ANCHE PER I DOLORI, LE SOFFERENZE DEL MIO ESISTERE,
CHE SI DILEGUANO CON LA GIOIA DEL MUOVERSI MENTRE VADO TRA I BOSCHI,
LUNGO IL FIUME,
DA SOLO O TRA LA GENTE,
SU STRADE ASSOLATE O SPAZZATE DALLA PIOGGIA 
O DAL VENTO
IO TI SENTO,SIGNORE,MENTRE I MIEI PASSI
FENDONO RITMICI LE BRUME DEL MATTINO, 
O "LA CORSA" SI DISTENDE SERENA
NEI SILENZI OPACHI 
ED I PENSIERI SI PURIFICANO E ARRIVANO FINO A TE.
TI SENTO O MIO SIGNORE, ANCHE NEI MOMENTI 
DI STANCHEZZA E DI SOFFERENZA
QUANDO IL SUDORE ANNEBBIA LO SGUARDO,
LA FATICA MI FA PIEGARE LE GAMBE
E MI VORREI FERMARE.
QUESTO MIO CAMMINARE FATTO CON UMILTA'
E CON PASSIONE E' COME UNA PREGHIERA.
E' QUESTO CAMMINARE E CORRERE,
E' QUESTO ANDARE CHE SI FA PREGHIERA,
PER LODARTI E RINGRAZIARTI
SIGNORE

      

0 commenti:

è ora di correre

>

 

Design by Amanda @ Blogger Buster