giovedì 26 agosto 2010

A Giorgia Di Lallo "un mio pensiero sull'atleta"

So quanto sia difficile per l'atleta accettare di praticare lo sport come disciplina!
Le distrazioni, i pericoli che si incontrano nella vita sono innumerevoli; anch'io ero preso da tali insidie!
Solo una particolare passione e l'aiuto del Signore possono scardinare i muri che si formano in contrapposizione alla tua volontà.
Sei fortunato se ci riesci atleta!
Nella vita un'allenatore coscienzioso che ti guida forse vale di più di qualsiasi persona  al mondo!
Ma il mondo è pieno di ipocriti, che si corazzano da sapientoni per coprire il loro vuoto interiore ed ingannano gli sprovveduti!
Ecco allora l'esigenza di proteggerci sotto un manto spirituale che per noi cristiani costituisce un valore fondamentale per la nostra vita d'atleti!
A qualcuno ha fatto sorridere la parola di " atleti di Cristo", a me, invece, mi riempie di gioia e di ammirazione quando tra gli atleti, come gesto di riconoscenza, qualcuno, alzando  la maglia in segno di giubilo, e con il dito indice verso l'alto, mostra il volto di Cristo (vedi Le Grottaglie, Kakà ed altri ancora!)
Ho allenato molti atleti ma , Ahimè!,una volta raggiunto un risultato buono, hanno incoronato le loro vittorie esaltandosi e basta!
Scegli bene atleta e quando l'avrai fatto custodisci con amore e con determinazione il tuo rapporto con il tuo allenatore!

0 commenti:

è ora di correre

>

 

Design by Amanda @ Blogger Buster